Serie televisive e radici europee

Gli alunni che, in tempi pre-Covid, hanno trascorso un periodo di studi negli USA, raramente sono finiti in grandi città, più spesso in Alaska, o negli Stati centrali. Ebbene, pare che lì non si facesse distinzione tra un italiano, uno svedese, o un greco – erano tutti chiamati europei, tout court. L’Europa era vista come un blocco unitario con caratteristiche ben precise: arte, cultura, strade strette. Solo una ragazza, che ha trascorso un anno a Boston, mi ha riferito dell’ottima fama che godono gli studenti italiani : Italiana? allora sei brava!

.Questa percezione d’oltreoceano, direi monoblocco, urta contro la frammentazione che sperimentiamo quotidianamente noi europei con i suoi interessanti risvolti nelle serie televisive, questo strano frutto delle coscienze che al tempo stesso le condiziona. Vikings o Barbaren sono un’esaltazione del proprio passato nazionale e un utile correttivo all’eccessiva esaltazione della funzione civilizzatrice della romanità, già rappresentata da https://www.youtube.com/watch?v=1cg8IN1NYYM, in Brian di Nazareth.

Finalmente basta con i Romani portatori di igiene, terme, strade, ius e lex, ecc…i Romani sono i cattivi! Mi piace il rovesciamento di prospettiva, è giusto condannare l’imperialismo in ogni sua forma, però…però rileggiamo Germania di Tacito. i Germani non erano così pulitini e bellocci come nella serie.

12 pensieri riguardo “Serie televisive e radici europee

  1. Sono tante le campane che ho sentito sull’argomento scuola italiana: é vero che per programmi, contenuti e spessore culturale si colloca forse al primo posto nel mondo. Ma gli anni passano, il tempo tutto cambia: si chiama evoluzione quella cosa per la quale noi sogniamo su libri di storia dell’arte, romanzi e poesie mentre negli altri paesi sgobbano su matematica e fisica, così io sono felice di essere come sono e di avere studiato in Italia, ma gli altri si accaparrano i posti migliori.

    "Mi piace"

    1. Anche io sono felice dei miei studi italiani. E penso anche che mi hanno dato tanta felicità in più, aprendo spiragli dai quali cogliere la garnde bellezza del mondo e della vita, solitamente invisibile, se non sei educato a captarla…

      "Mi piace"

  2. Lunedi, nell’intervista pubblicata dal Corriere della Sera, Emanuel Macron dice dell’Europa: “Penso che siamo un’area geografica coerente in termini di valori, in termini di interessi, e che è bene difenderla in sé. Siamo un’aggregazione di popoli e culture diverse. Non esiste una tale concentrazione di così tante lingue, culture e diversità in nessun altro spazio geografico. Eppure, qualcosa ci unisce. Del resto, sappiamo di essere europei quando usciamo dall’Europa. Sentiamo le nostre differenze quando siamo tra europei, ma proviamo nostalgia quando lasciamo l’Europa.
    (…) Sono sicuro di una cosa: non siamo gli Stati Uniti d’America. Sono i nostri alleati storici, abbiamo a cuore come loro la libertà e i diritti umani, abbiamo dei legami profondi, ma abbiamo, per esempio, una preferenza per l’uguaglianza che non c’è negli Stati Uniti d’America.”

    Piace a 1 persona

  3. Io so anche di americani che chiedevano agli studenti italiani se a casa loro c’erano i canguri – confondendo Italia con Australia. Credo che l’enorme pasticcio dell’Irak sia da ricondurre, oltre al fatto che gli americani fanno esclusivamente i propri interessi e se ne fregano delle conseguenze, anche alla colossale ignoranza diffusa a tutti i livelli.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...