GRIGIO

Da Dreamstime

Sempre nel già citato libro di Brusatin (https://www.einaudi.it/catalogo-libri/arte-e-musica/arte/storia-dei-colori-manlio-brusatin-9788806153441/) c’è un’incantevole osservazione sulle sfumature del grigio. Pare che siano aumentate nell’ultimo cinquantennio, o che siano visibili ora all’occhio umano, o, più probabilmente, che sentiamo l’esigenza di differenziarne le tonalità. Il fatto è da ricollegare all’urbanizzazione, fenomeno grigio per sua natura. E dunque grigio ferro, antracite, canna di fucile, tortora, perla, fumo, eccetera.

In parallelo, diminuisce l’uso delle nomi, molto più numerosi delle denominazioni relative al grigio, che indicano le gradazioni del verde: verde salvia, reseda, smeraldo, prato, bandiera, salice, bottiglia, verde pino, verde militare, giada, muschio, cinabro, veronese….

Siamo ormai distaccati dalla natura, quindi dal verde, e non abbiamo più necessità di distinguerne le sfumature -non un gran progresso, indubbiamente. D’altronde, chi fra i nostri ragazzi sa cos’è la salvia, e quanti riconoscono un salice? Quando ai Figli, qualche anno fa, ho chiesto di tagliarmi qualche rametto di quercia, loro vagavano sotto le querce chiedendo Dove? Dove? Ho avuto paura. da quel giorno con il riconoscimento di alberi e piante sono diventata martellante.

8 pensieri riguardo “GRIGIO

  1. Tortora: è da giorni che su rami e cavi elettrici, che s’affacciano alla mia finestra aperta per ragioni di climatizzazione dei locali, sostano e fanno capolino incuriosito, una bellissima coppia di longilinee tortore dal collare. Ed è da giorni che cercavo di portare alla mente, la difficoltà a recuperare parole è misura della vecchiaia, la loro esatta identità. Ma piccione, colombo erano gli unici termini che mi venivano alla mente.
    Il tuo visitarmi e il mio ricambiarti hanno risolto la questione.
    A parte questa parentesi sulla mia smemoratezza, ho letto con piacere il tuo articolo, di cui invidio lo stile scorrevole, franco, tutto alla luce, che invita e non stanca e si colora di fondali teatrali e di attori in sbalzo.
    Sì, ritornerò!
    Notte buona.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...